Spese per recupero crediti ed interessi moratori – Esclusione da IVA – R. 74/2019

SCIA e tutela dei terzi: chiariti i termini per sollecitare le verifiche al Comune
21 Marzo 2019
Inail – Nuove tariffe. Pubblicazione decreto interministeriale 27 febbraio 2019
3 Aprile 2019

Spese per recupero crediti ed interessi moratori – Esclusione da IVA – R. 74/2019

Esclusione da IVA per le spese di recupero crediti e per gli interessi moratori, che hanno natura risarcitoria e non rientrano nel campo di applicazione dell’imposta.

Così si è espressa l’Agenzia delle Entrate nella Risposta n.74/2019 (clicca per scaricare), ad un’istanza d’interpello di un’impresa che ha ottenuto, mediante una società appositamente incaricata, il recupero di un credito scaduto da tempo.

In particolare, a seguito dell’ottenimento del credito, l’impresa istante chiede se sia corretto operare, nella fatturazione degli importi ricevuti, l’assoggettamento ad IVA dell’importo corrispondente al credito, e l’esclusione dal tributo per le somme ricevute a titolo risarcitorio, per rivalutazione monetaria e per gli interessi moratori.

Al riguardo, l’Agenzia delle Entrate, nella Risposta 74/2019 conferma la correttezza dell’operato dell’impresa, richiamando la disciplina IVA, in base alla quale non concorrono a formare la base imponibile «le somme dovute a titolo di interessi moratori o di penalità per ritardi o altre irregolarità nell’adempimento degli obblighi del cessionario o del committente»[1].

In merito, l’Agenzia delle Entrate cita i propri precedenti orientamenti di prassi, in base ai quali era già stato a suo tempo chiarito che:

  • si tratta di importi riferiti al risarcimento di danni conseguenti all’inadempimento di obblighi contrattuali (R.M. 73/E/2005);

  • tali somme a titolo d penale «non costituiscono il corrispettivo di una prestazione di servizio (…) ma assolvono una funzione punitivo-risarcitoria» e devono essere escluse dall’ambito di applicazione dell’IVA per mancanza del presupposto oggettivo (cfr. R.M. 64/E/2004).

Pertanto, nel caso di specie, gli importi che l’istante ha ricevuto dal debitore, a titolo di interessi moratori e di ulteriori spese per il recupero del credito hanno natura risarcitoria e devono essere esclusi da IVA[2].

Per completezza, si precisa che, invece, nel diverso rapporto contrattuale intercorrente tra l’impresa istante e la società cui è stato affidato il recupero del credito, la fatturazione dei corrispettivi avviene applicando l’IVA (con aliquota del 22%) secondo le modalità ordinarie, trattandosi di una specifica prestazione di servizi.

Nella diversa ipotesi in cui, oltre al corrispettivo, l’istante versi alla medesima società importi a titolo di rimborso di anticipazioni, tale componente viene esclusa da IVA (cfr. art.15 co.1, n.3, del D.P.R. 633/1972).


[1] Art.15, co.1, n.1, del D.P.R. 633/1972.
[2]Cfr. sul medesimo tema, anche ANCE “Locazione – Indennità per riduzione del canone – Cessione contratto – R. 16/2019” – ID n. 35009 del 7 febbraio 2019.