Revisione macchine operatrici: nuovo calendario periodicità

Inail – Nuove tariffe. Pubblicazione decreto interministeriale 27 febbraio 2019
3 Aprile 2019
Appalti pubblici: nessuna correzione per le ATI in gara
5 Aprile 2019

Revisione macchine operatrici: nuovo calendario periodicità

Con Decreto Interministeriale  28/2/2019, n. 80 in attesa di pubblicazione sono state modificate le scadenzepreviste dal Decreto Interministeriale  del 20/5/2015 per quanto riguarda la revisione periodica delle macchine agricole ed operatrici prevista dagli articoli 111 e 114 del Codice della Strada.

In particolare per le macchine operatrici il DI 20/5/2015 prima delle modifiche (come detto ancora non in vigore) si limitava a precisare che la revisione doveva essere effettuata con cadenza quinquennale  a far data dal 31/12/2018 senza ulteriori specificazioni in merito alla periodicità legata all’immatricolazione del mezzo.

Nel dettaglio, anche alla luce delle modifiche, la disciplina prevede:

  • la revisione generale obbligatoria ogni 5 anni secondo il nuovo prospetto temporale per le seguenti macchine operatici immatricolate ai sensi dell’art. 114 comma 2 del codice della strada:

a)  macchine impiegate per la costruzione e la manutenzione di opere civili o delle infrastrutture stradali o per il ripristino del traffico;

b)  macchine sgombraneve, spartineve o ausiliarie quali spanditrici di sabbia e simili;

c)  carrelli: veicoli destinati alla movimentazione di cose.

Macchine agricole e macchine operatrici

Tempi

Veicoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983

Revisione entro il 30 giugno 2021

Veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1984 al 31 dicembre 1995

Revisione entro il 30 giugno 2022

Veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1996 al 31 dicembre 2018

Revisione entro il 30 giugno 2023

Veicoli immatricolati dopo il 1° gennaio 2019

Revisione al 5° anno entro la fine del mese di prima immatricolazione

  • l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 111 comma 6 del Codice della strada per i veicoli che continuano a circolare in assenza della prescritta revisione (sanzione amministrativa comportante il pagamento di una somma da euro 87 ad euro 345 oltre al ritiro della carta di circolazione o del certificato di idoneità tecnica).

  • la possibilità di circolare anche oltre i termini di scadenza prescritti, in presenza di prenotazione effettuata entro detti termini, fino alla data fissata per la presentazione a visita e prova, senza che siano applicabili le sanzioni amministrative.

In Allegato:

Decreto Interministeriale  28/2/2019, n. 80 (Clicca per scaricare)

Decreto Interministeriale 20/5/2015 coordinato con le modifiche (testo non ufficiale – Clicca per scaricare).