Regolamento edilizio unico: a che punto sono le Regioni

Obbligo di segnalare le assenze per infortuni superiori ad 1 giorno
3 ottobre 2017
INAIL: Prime istruzioni operative per la comunicazione di infortuni superiori a 1 giorno
19 ottobre 2017

Regolamento edilizio unico: a che punto sono le Regioni

E’ scaduto Il 18 aprile 2017 il termine entro il quale le Regioni dovevano dare seguito all’Intesa del 20 ottobre 2016 in merito al regolamento edilizio unico.

 

Ad oggi sono cinque le Regioni che hanno formalmente dato attuazione:

–        Campania (DGR del 23 maggio 2107 n. 287);

–        Emilia Romagna (DGR 922/2017);

–        Liguria (DGR del 14 aprile 2017 n. 316);

–        Lazio (DGR del 19 maggio 2017 n.243);

–        Puglia (DGR dell’aprile 2017, n. 554 – DGR  4 maggio 2017 n. 648 e successivamente la legge 11/2017).

 

Tutte le Regioni hanno previsto il termine massimo di 180 giorni per il recepimento a livello comunale. Alcune, come previsto dall’Intesa, hanno individuato le definizioni aventi incidenza sulle previsioni dimensionali e fornito alcune indicazioni tecniche ai fini di una corretta interpretazione (es. Liguria) oppure chiarito alcuni aspetti con i contenuti di determinati atti regionali (es. Lazio). Ognuna, inoltre, ha previsto uno specifico regime transitorio.

 

Tutti i contenuti relativi alle delibere regionali di recepimento del regolamento edilizio unico sono state riportate nell’aggiornamento del Dossier Ance “Regolamento edilizio unico” che contiene anche una tabella di raffronto tra le diverse Regioni.

 

 

 

  

Clicca qui per scaricare il Dossier Ance aggiornato sul “regolamento edilizio unico”