Piano Casa regionale: le nuove proroghe

Legge di Bilancio 2018 – Misure fiscali di interesse del settore edile
15 gennaio 2018
Commento alla Legge di Bilancio 2018
19 gennaio 2018

Piano Casa regionale: le nuove proroghe

Dal 2009, anno in cui fu sottoscritta l’Intesa Stato Regioni, ad oggi, quasi tutte le Regioni hanno optato per mantenere attivi i premi volumetrici per favorire gli interventi di ampliamento e di demolizione e ricostruzione degli immobili esistenti proponendo spesso integrazioni e aggiustamenti al fine di accrescerne le potenzialità.

 

Alcune Regioni (da ultimo il Lazio) hanno invece scelto, seppur con diverse modalità e caratteristiche, di rendere permanenti le misure incentivanti.

 

Tutti i piani casa regionali in scadenza lo scorso 31 dicembre 2017 sono stati prorogati. Nel dettaglio:

In Abruzzo la legge regionale “Proroga di termini”  in corso di pubblicazione ha rinviato di un ulteriore anno (31/12/2018) la scadenza del Piano casa.

 

In Campania la proroga fino al 31/12/2019 è stata approvata con un emendamento alla Stabilità regionale approvata nei giorni scorsi.

 

Mega proroga in Molise dove si potranno presentare le domande fino al 31/12/2020 (LR n. 24 del 22/12/2017 pubblicata sul BUR n. 73 del 30/12/2017).

 

In Puglia la legge sul Piano casa (LR n. 14/2009) è stata, innanzitutto, modificata dalla LR n. 48 dell’1/12/2017 pubblicata sul BUR n. 136 del 4/12/2017 per consentire di adeguare la disciplina regionale al mutato quadro legislativo nazionale che ha introdotto la segnalazione certificata di agibilità. E’ stato poi eliminato il riferimento alla Dia e sostituito con “Scia in alternativa al permesso di costruire”. La proroga dal 31/12/2017 al 31/12/2018 è stata disposta con la LR n. 51 dell’1/12/2017 pubblicata sul BUR n. 136 del 4/12/2017 al fine di estendere, per un ulteriore periodo, la possibilità di usufruire dei benefici premiali. E’ stato anche spostato al 1° agosto 2017 il termine temporale di “esistenza” dell’immobile su cui far valere tali benefici. Con l’articolo 5, infine, si propone una disposizione d’interpretazione autentica con valore retroattivo per chiarire che la data di presentazione dell’istanza (“entro il 31 dicembre …”), purché completa di ogni elemento, cristallizza la normativa di valutazione della stessa istanza a tale data, non potendo porsi a carico dell’istante, perché trattasi di norma temporanea, il tempo occorrente per l’espletamento del procedimento amministrativo previsto per il rilascio del titolo.

 

Per la Sardegna la proroga dal 31 dicembre 2017 al 30 giugno 2019 (LR n. 26 del 12/12/2017 pubblicata sul BUR n. 60 del 21/12/2017) è stata motivata dai ritardi nell’approvazione della nuova legge regionale sul governo del territorio e, quindi, dall’intenzione di mantenere attivi ancora per un periodo i bonus per l’ampliamento edilizio.

 

Nei box sottostanti si ricordano le diverse scadenze.

Regione

Scadenze

Abruzzo

31/12/2018

Campania

31/12/2019

Molise

31/12/2020

Basilicata

31/12/2018

Calabria

31/12/2018

Marche

31/12/2018

Piemonte

30/6/2018

Puglia

31/12/2018

Sardegna

30/6/2019 per gli ampliamenti

Sicilia

31/12/2018

Toscana

31/12/2018

Veneto

31/12/2018

 

Clicca qui per scaricare le schede regionali