MUD: predisposta la nuova modulistica

“MONETIZZAZIONE DEL SISMA BONUS – Opportunità per abitazioni più sicure”
23 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018 – Focus fiscale
1 febbraio 2018

MUD: predisposta la nuova modulistica

Cambiano le regole per la comunicazione ambientale MUD che dovrà essere presentata entro il prossimo 30 aprile: è entrato, infatti, in vigore il DPCM 28 dicembre 2017 (GU 30 dicembre 2017) con il quale è stata introdotta una nuova modulistica, con le relative istruzioni, per la dichiarazione annuale relativa ai rifiuti prodotti e gestiti durante il 2017.

 

Le principali novità riguardano le modalità di presentazione della comunicazione rifiuti cd. semplificata che dovrà essere compilata esclusivamente utilizzando un’apposita applicazione disponibile sul sito http://mudsemplificato.ecocerved.it/. A seguito delle modifiche apportate non è quindi più possibile compilare manualmente la dichiarazione MUD.

 

Il decreto prevede, in particolare, che tale dichiarazione semplificata debba essere firmata dal dichiarante, trasformata in formato pdf e quindi successivamente trasmessa a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo comunicazioneMUD@pec.it.

 

Viene, peraltro, specificato che le comunicazioni effettuate con modalità diverse da quelle prescritte saranno considerate “inesatte”, con le relative possibili sanzioni di cui all’art. 258 del D.Lgs. 152/2006 (Codice dell’ambiente).

 

Al riguardo, si ricorda che i soggetti obbligati alla presentazione del MUD, in base all’art. 189 del D.Lgs. 152/2006, sono:

1.      i trasportatori a titolo professionale di rifiuti;

2.      i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione;

3.      le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti;

4.      le imprese e gli enti produttori di rifiuti pericolosi;

5.      le imprese e gli enti produttori che hanno più di dieci dipendenti che producono rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali, fanghi da potabilizzazione (art. 184 comma 3 lett. c), d) e g))

 

Tra le categorie di soggetti sopra elencati, possono scegliere di avvalersi della comunicazione cd. semplificata solo i produttori di rifiuti (numeri 4 e 5) che “nella propria unità locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali.”