IMU e TASI 2017 – Coefficienti per i fabbricati D

Decreto Legge 50/2017 (cd. “Manovra correttiva”) – Misure fiscali
28 aprile 2017
Detrazione 50% IVA case in classe A e B: I chiarimenti dell’AdE
4 maggio 2017

IMU e TASI 2017 – Coefficienti per i fabbricati D

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 28 aprile 2017 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 aprile 2017, con il quale, in attuazione dell’art. 5, comma 3, del D.Lgs. 504/1992, sono stati aggiornati i coefficienti da utilizzare ai fini della determinazione del valore degli immobili classificabili nel Gruppo catastale D, non iscritti in catasto ed interamente posseduti da imprese, per il relativo calcolo dell’Imposta Municipale propria (IMU) e del tributo per i servizi indivisibili (TASI), dovuti per l’anno 2017.

Il valore dei coefficienti varia da 3,12 per l’anno 1982 e precedenti, ad 1,01 per il 2017, come di seguito riportato.

2017
1,01
 
1998
1,54
2016
1,01
 
1997
1,58
2015
1,01
 
1996
1,63
2014
1,01
 
1995
1,68
2013
1,02
 
1994
1,73
2012
1,04
 
1993
1,77
2011
1,07
 
1992
1,79
2010
1,09
 
1991
1,82
2009
1,10
 
1990
1,91
2008
1,14
 
1989
1,99
2007
1,18
 
1988
2,08
2006
1,22
 
1987
2,25
2005
1,25
 
1986
2,43
2004
1,32
 
1985
2,60
2003
1,37
 
1984
2,77
2002
1,42
 
1983
2,95
2001
1,45
 
1982 e precedenti
3,12
2000
1,50
     
1999
1,52
     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In sostanza, tali coefficienti si applicano all’ammontare dei costi risultanti dalle scritture contabili al 1° gennaio dell’anno di imposizione (o, se successiva, alla data di acquisizione), al lordo degli ammortamenti. I costi sono classificati per anno di formazione al fine di applicare i diversi coefficienti in relazione all’anno di sostenimento.

In merito, i nuovi coefficienti si applicano per determinare il valore degli immobili classificabili nel Gruppo catastale D, non iscritti in catasto ed interamente posseduti da imprese, per il relativo calcolo dell’IMU e della TASI[1] .

Inoltre, restano confermati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate[2], la quale precisa che nei costi devono essere considerati:

–       il costo originario di acquisto/costruzione compreso il costo del terreno;

–       le rivalutazioni sia economiche che fiscali;

–       gli interessi passivi capitalizzati;

–      le spese incrementative.

                                                                   


[1]A tal riguardo, si ricorda che la base imponibile TASI è quella prevista per l’applicazione dell’IMU di cui all’art. 13 del D.L. 201/2011, convertito, con modificazioni, nella legge 214/2011.
[2]Cfr. R.M. 6/DF del 28 marzo 2013.