Ambiente: rinvio SISTRI e aggiornamento modelli iscrizione Albo Gestori Ambientali

Nuova Guida dell’ANCE acquisto case ad alta efficienza energetica
3 marzo 2017
Ristrutturazioni edilizie e “Sisma bonus” – Nuova guida dell’Agenzia delle Entrate
15 marzo 2017

Ambiente: rinvio SISTRI e aggiornamento modelli iscrizione Albo Gestori Ambientali

SISTRI

La legge 19/2017 di conversione del decreto legge 244/2016 – cd. Milleproroghe – ha confermato la proroga per l’avvio della piena operatività del Sistema di tracciabilità telematico dei rifiuti – SISTRI e quindi anche delle sanzioni relative alla sua applicazione.

 

A differenza di quanto previsto negli anni passati però viene precisato che tale proroga è destinata ad operare “fino alla data del subentro nella gestione del servizio da parte del concessionario individuato” e comunque non oltre il 31 dicembre 2017.

 

Al riguardo, si ricorda che lo scorso 1 febbraio la CONSIP ha provveduto alla riaggiudicazione ad AlmavivA, TIM, Agriconsulting della concessione per la gestione del SISTRI, confermando quindi l’assegnazione del 4 agosto 2016, annullata in via di autotutela da parte del TAR Lazio a seguito del ricorso di un altro raggruppamento temporaneo di imprese che aveva partecipato alla gara.

 

Per quanto riguarda le sanzioni si ricorda che quelle per:

–          l’applicazione del SISTRI, entreranno in vigore quando quest’ultimo diventerà operativo. Fino ad allora le imprese devono continuare a gestire i rifiuti secondo gli adempimenti tradizionali (registro di carico e scarico, formulario di identificazione dei rifiuti, mud) e si applicano le relative sanzioni.

–          L’iscrizione SISTRI ed il pagamento del relativo contributo annuale sono ridotte del 50%, fino alla piena operatività del sistema stesso.

ALBO GESTORI AMBIENTALI

Con le delibere numeri 2 e 3 del 22 febbraio 2017, il Comitato Nazionale dell’Albo gestori ambientali ha provveduto all’aggiornamento della modulistica da presentare all’Albo stesso nel caso di prima iscrizione ovvero di rinnovo di una precedente iscrizione, sia per le domande in procedura ordinaria sia per quelle soggette alla procedura semplificata.

Di seguito un prospetto delle categorie ed attività cui si applicano i nuovi modelli:

Delibera n. 2/2017

Modelli per l’iscrizione (e rinnovo) in procedura ordinaria (art. 15 dm 120/2014) relativi a:

·         raccolta e trasporto di rifiuti urbani (cat. 1)

·         raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi (cat. 4)

·         raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi (cat. 5)

·         Intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi (cat. 8);

·         bonifica di siti (cat. 9);

·         bonifica di beni contenenti amianto (cat.10).

Delibera n. 3/2017

Modelli per l’iscrizione (e rinnovo) in procedura semplificata (art. 16 dm 120/2014) relativi a:

·         imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonché i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti trenta chilogrammi o trenta litri al giorno di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;

·         aziende speciali, consorzi di comuni e società di gestione dei servizi pubblici di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, per i servizi di gestione dei rifiuti urbani prodotti nei medesimi comuni.

 

 

 

Con riferimento poi alle iscrizioni relative alle categorie 1, 4 e 5, la circolare del 24 febbraio 2017 n. 229 del Comitato Nazionale ha fornito inoltre alcuni chiarimenti operativi, ed in particolare ha stabilito che nel caso di un’ impresa iscritta in più categorie/classi, con differenti termini di durata, la scadenza dell’iscrizione stessa deve essere considerata relativa alle singole categorie/classi.

In allegato:

Delibera del Comitato Nazionale dell’Albo gestori ambientali n. 2 22 febbraio 2017

Delibera del Comitato Nazionale dell’Albo gestori ambientali n. 3 22 febbraio 2017

Circolare del 24 febbraio 2017 n. 229